Cappuccetto Zozzo

…” C’era una volta una bambina che non

si lavava mai e poi mai.

Per questo tutti la chiamavano Cappuccetto Zozzo.

Un giorno, mentre lei si rotolava in una pozzanghera

con un maialetto amico suo,la mamma la chiamò:

-Cappuccetto zozzo! Cappuccetto Zozzo!

-Eccomi mamma! Arrivo subito!- rispose la piccola

che era si sempre sporca e puzzolente, però,

a parte questo, era una bravissima bambina.

-No no resta pure dove sei che puzzi troppo! 

Ti lascio qui fuori della porta un cestino

con una torta da portare alla nonna.

Portagliela per favore ma non ti azzardare

a toccarla con le tue manine sudicie,

altrimenti la nonna la dovrà buttare!…

….

….Mentre la sporchissima bambina camminava

lungo il sentiero, attorno a lei fuggivano

gli animali del bosco terrorizzati:infatti

Cappuccetto Zozzo puzzava come un pesce marcio,

 e nessuno riusciva a starle vicino.

I fili d’erba e i fiori che invece non

potevano scappare,appassivano all’istante.

…Ad un certo punto da dietro un albero

apparve un lupo che le parlò:

-Dove vai , bella bamb…-esordì educatamente,

 ma poi la puzza gli arrivò al naso

e non riuscì a dire altro.

-Arghh, che schifo! Uuuhh!-

Gridò terrorizzato l’animale e sparì nel bosco.

…..

continua

 

 

 
— Libreria Miranfù